…attenti a quelle come LUI, alias Don-na GIOVANNA.


…la potenza della società e il suo potere sugli individui risiede oggi, in effetti, nel suo non essere individuabile con esattezza, nella sua evasività, versatilità e volatilità, nella disorientante imprevedibiltà delle sue mosse, nell’abilità alla Houdini con cui fugge dalla più difficile delle gabbie, e nella destrezza con cui sfida le aspettative e si sottrae alle sue promesse, apertamente pronunciate o abilmente lasciate intendere. La strategia giusta per affrontare un giocatore così sfuggente ed evasivo è batterlo al suo stesso gioco…
Don giovanni (così come viene raffigurato da Molière, Mozart o Kierkegaard) può essere definito un inventore e un pioniere di questa strategia. Per stessa ammissione del Don Giovanni di Molière , il piacere dell’amore consiste nel cambiamento incessante. Il segreto delle conquiste del Don Giovanni di Mozart, secondo Kierkegaard, era il suo dono di finire rapidamente e ripartire da un (altro) inizio: Don Giovanni era in uno stato di perpetua autocreazione…Secondo la visione di Ortega y Gasset, Don Giovanni era un’autentica incarnazione della vitalità del vivere spontaneo e ciò faceva di lui la prima manifestazione del fondamentale disagio, delle umane inquietudini e ansietà degli uomini moderni. Tutto ciò ha spinto Michel Serres (in The Apparition of Hermes) a nominare Don Giovanni il primo eroe della modernità. Prendendo spunto da Camus (che osservava che un seduttore stile Don Giovanni non ama guardare i ritratti), Beata Frydryczak, acuta filosofa della modernità, ha rilevato che questo “eroe della modernità” non poteva essere un collezionista, perché quel che importava per lui era solo il “qui e ora”, l’attimo fuggente. Se qualcosa colleziona, colleziona sensazioni. E le sensazioni sono, per loro stessa natura, fragili e di breve durata e altrettanto volatili delle situazioni che le hanno innescate. La strategia del carpe diem è una risposta a un mondo svuotato di valori che pretende di essere duraturo.

Da Zygmunt BAUMAN, “Intervista sull’identità” – Editori Laterza.